Conversazioni segrete su Facebook

conversazioni-segrete-su-facebook

Novità in arrivo: le conversazioni segrete su Facebook

Anche Facebook Messenger introduce la novità, l’ennesima di questo periodo. Stiamo parlando delle conversazioni segrete su Facebook che saranno attivabili grazie alla nuova funzionalità della piattaforma.

La nuova opzione attivabile su Messenger è stata nominata “Secret Conversation” ed è stata annunciata a New York l’8 luglio.

Il popolare social network sembra quindi seguire la linea già adottata prima da Telegram e poi da WhatsApp solo pochi mesi fa. L’applicazione di messaggistica istantanea, come ora è noto a tutti i suoi utenti, aveva introdotto la crittografia end-to-end, una tecnologia che permette di cifrare tutti i messaggi attraverso codici e quindi di impedire la decriptazione degli stessi.

A salvaguardia della privacy dei propri utilizzatori, anche Facebook, di proprietà di Mark Zuckerberg come lo stesso WhatsApp, sta quindi testando questa nuova possibilità.

Secret Conversation” comporterà la lettura dei messaggi solo sui dispositivi sui quali è stata avviata la chat. Ogni utente avrà la possibilità di scegliere quali delle sue conversazioni rendere segrete o meno. In ogni singola chat segreta, però, non ci sarà più la possibilità di potersi scambiare foto, video, gif o altri contenuti multimediali.

Una ulteriore opzione sarà poi davvero curiosa: la possibilità di azionare un vero conto alla rovescia che, se scaduto, renderà la chat illeggibile.

Le conversazioni segrete su Facebook, per ora, sono state annunciare dalla stessa azienda come funzionalità ancora in fase di test. Infatti, la novità per ora è stata resa disponibile solamente per un ristretto numero di utenti. Dai piani alti, comunque, assicurano che nel corso dei mesi estivi la nuova funzione si estenderà e sarà disponibile ad un pubblico sempre più vasto di utilizzatori di Facebook.

Un ulteriore passo verso la salvaguardia della privacy delle conversazioni dei propri utenti, che si sentiranno sempre più sicuri nel condividere i propri “segreti“.